Decorazioni Natale - Albero di Natale - Auguri - Biglietti - Letterine - Calendari - Idee per piccoli gadget personalizzati piccoli regali fatti con le proprie mani

 Sei sulla pagina "Palline Albero"> Decorazioni Natale > Presepe > HomePage > Mappa del Sito

 DECORAZIONI DI NATALE

 Palline per l'albero

Un'altra idea per il Natale, buona per tutti, ma in particolare per chi, come me, crede che non sia sempre necessario spendere una tombola per avere cose sempre nuove e piacevoli da vedere ad un costo che è quasi "zero"


I Materiali:

  • - Palle da usare come base: si possono usare quelle che si trovano in vendita presso i negozi di bricolage, in polistirolo, ma io ho usato (massimo del risparmio), vecchie palline in plastica (fig.1) ormai consunte dal tempo, un po' dozzinali, d'accordo, ma quando erano nuove facevano la loro bella figura... e torneranno a farla!!! ;

  • Carta Igienica: sì, proprio quella, e, se mi seguirete anche in altre idee, vedrete che ne uso spesso (oltre naturalmente alle normali funzioni!);

  • Colla Vinilica: anche questa è alla base di molti miei lavori, spesso, come in questo caso diluita in acqua (50%);

  • Vernice bianca per fondi (cementite);

  • Colori acrilici per ottenere trasparenze e campiture a seconda del gusto individuale;

  • Vernice oro o argento (non all'acqua): per la colorazione di base;

  • Nero Giapponese: (detto anche nero indiano o catramina);

  • Stampe da decoupage o tovagliolini (molto costosi, io uso stampe realizzate con immagini scaricate dalla rete, o scansionate da carta regalo e altre fonti) risparmio e, con un po' di cura si ottengono buoni risultati. Io li stampo su carta di poco spessore, ma di buona qualità, con una stampante Epson che usa inchiostri "DURA BRITE" che resistono perfettamente all'acqua anche con lunghissimi bagni

  • Flatting all'acqua: ecologico ed ottimo per la finitura degli oggetti.

La prima operazione è quella di rivestire la palla con qualche strato di carta igienica bagnata con vinavil. (Fig. 2)

 

Fig. 1

 

Fig. 2

 

Fig. 3

 

Fig. 4

 

Fig. 5

La carta, durante questa fase, sarà tanto delicata, quanto sarà robusta una volta asciugata, perciò bisognerà procedere con cura, per stenderla uniformemente e senza lasciare buchi.

Procedere così: passare uno strato di colla diluita come ho detto sopra, e depositarvi un quadro di carta igienica,. Passare, con il pennello imbevuto, sulla carta delicatamente, fissandola bene senza farla accartocciare. Eseguire vari passaggi e, tra l'uno e l'altro, aspettare che il precedente sia ben asciutto. Non vi preoccupate se la carta si increspa, anzi vedrete che è proprio ciò che alla fine darà al pezzo un aspetto antico e prezioso.

Una volta raggiunto lo strato desiderato (tre o quattro livelli di carta andranno benissimo) fate asciugare bene e date una mano di cementite colorando di bianco tutta la superficie. Questo serve a rendere più resistente lo strato di carta ed  a preparare il fondo per la fase successiva. La terza fase consiste nel dare una mano di colore acrilico a seconda del gusto coprendo bene tutta la superficie. (Molto belli, secondo me, i colori rosso blu e verde, ma in particolari tonalità che hanno un aspetto antico e molto caldo Fig. 4). Quando il colore sarà asciugato  perfettamente, con una pennellessa  piuttosto grande (3/4 cm) stendete un po' di vernice oro o argento su un piano e spennellate fino a rendere il pennello quasi asciutto, poi con quel che rimane sulle setole, passate la sfera, ma con mano leggera, in modo da dorare sole le parti in rilievo e lasciando il colore originale come fondo. (L'effetto dovrebbe essere come quello di  Fig. 5. Una volta che il pezzo si sarà perfettamente asciugato, è il momento di applicare le immagini che avrete scelto per la decorazione. Naturalmente, prima, avrete avuto cura di procurarvi le stampe da ritagliare per decorare la palla; (per l'occasione cliccando qui, potrete scaricare gratuitamente quelle immagini che ho usato io). Per favorire l'aderenza delle stampe alla superficie convessa delle palline consiglio di creare dei tagli sull'immagine, magari seguendo il disegno affinché si notino il meno possibile (nel caso dell'angelo ho seguito il disegno dei panneggi dell'abito e i bordi delle ali;se avete una discreta manualità con l'uso di colori e pennelli potete anche ritoccare a mano alcuni particolare delle stampe per rendere più personale il lavoro finito). Dopo che le stampe incollate si saranno perfettamente asciugate procediamo con una prima mano di flatting, per fissare il tutto, e successivamente, appena si sarà ben essiccata tutta la superficie, passiamo uno strato leggero di nero giapponese molto diluito (acquaragia o trementina) e subito dopo, con un panno morbido asportiamo la quantità in eccesso così da lasciare una velatura su tutta la pallina, e un po' di più nelle "crespature" della superficie, attendere ancora una volta l'essiccazione e procedere con il flatting, passandone diverse mani (almeno venti), e comunque fino a che non si noti più il ritaglio delle stampe.


Click per ingrandire