Top

 

 

  MOSTRA IL TUO PRESEPE: Pagina dedicata a...

 

O meravigliosa realtà! La figlia allatta il Padre, la creatura il Creatore, La serva il Signore... 

 


  A forma di idea - Sei sulla pagina "Diotallevi Sergio"> Menù Presepi >  Natale e Presepe  > HomePage  > Mappa del Sito
  

... Una calda luce giallo oro che ammorbidiva i delicatissimi lineamenti di una  fanciulla forse appena ventenne come doveva veramente essere la madre di Cristo, colta in quell'atto bello e vero, naturale e puro mentre allatta il Figlio alla presenza discreta e silenziosa di Giuseppe...
 

La presenza discreta e silenziosa di Giuseppe che assorto osserva il miracolo che si compie: la figlia allatta il Padre, la creatura il Creatore, La serva il Signore...

... La genialità dell'opera sta nell'idea di aver colto la Madonna  proprio nell'atto di allattare, mostrando una castissima nudità del seno che suscita solo un  senso di grande tenerezza per il gesto, e per la sacralità dei personaggi rappresentati.


Presepio 2005

Particolari.

Da sinistra:

  1. Giuseppe

  2. Maria con Bambino

 

 

 

Un click  per guardare le foto grandi

 

Tecniche usate

 

Naturalmente lo spirito di questo sito web è principalmente quello di indicare a tutti le tecniche ed i materiali con cui realizzare le proprie idee, proprio perché credo, e ne ho ancora una volta la prova, che anche dalle persone più semplici possa nascere un capolavoro; così ho chiesto a Sergio Diotallevi notizie sulle tecniche usate per la creazione della sua opera ed egli mi ha raccontato con molta semplicità le fasi principali puntualizzando come tutto sia stato realizzato con materiali poveri reperibili facilmente ed a basso costo. In particolare sono stati utilizzati fogli di polistirolo di 4-5 cm di spessore, della rete metallica a maglia stretta (quella usata normalmente nelle conigliere o nelle gabbie dei pulcini), della scagliola per muratura, pezze di tessuto di varia consistenza ed in fine colori ad olio ed acrilici.



Ovviamente il primo passo è stato quello di disegnare su di un foglio il progetto nel suo complesso, per studiarne la composizione in relazione allo spazio per passare, subito dopo,  alla realizzazione dei personaggi della parte  centrale del gruppo: la Madonna con il Bambino.
Con i fogli di polistirolo opportunamente uniti fino a raggiungere i giusti volumi, sono stati creati i blocchi da cui, con un bisturi sono stati intagliati e scolpiti separatamente tronco arti ecc.
Le parti così create, sono state unite ed il tutto
ricoperto con un impasto di scagliola che, una volta essiccato è stato carteggiato per definire le forme ed ammorbidire i tratti somatici.
L’immagine così ottenuta è stata poi rivestita con teli di stoffa intrisi nell’impasto di scagliola e modellati direttamente sul corpo mantenendo le piegature naturali della stoffa che, una volta irrigidita per effetto dell’essiccazione della scagliola, ha consentito di mantenere un morbido e realistico panneggio.
Le mani sono state realizzate con una tecnica molto particolare: sono stati riempiti di scagliola dei guanti di lattice che, ad essiccatura avvenuta sono stati tagliati via con le forbici 
lasciando cosi la forma grossolana delle mani che poi, con l'aiuto del solito bisturi sono state sgrossate e rifinite.
Con analoga
tecnica è stata realizzata la figura  di S. Giuseppe, a parte il tronco, modellato con la rete metallica e riempito il suo interno con pezzi di polistirolo.
Teli intrisi di scagliola e opportunamente modellati danno forma e volume all’insieme.
Il tutto è stato dipinto con colori acrilici, alcune tonalità sono state raggiunte con colori ad olio.

  

 Un Presepe Originale

 
Una creazione che Sergio Diotallevi, con le sue grandi capacità creative, con la sua sensibilità da vero artista d'altri tempi, ha sottoposto all'attenzione dei visitatori che, nel Natale del 2005, hanno voluto visitare il Presepio presso la chiesa di S. Bartolomeo di Foligno.
Io l'ho visitato una sera freddissima, verso la fine di dicembre. Era già notte, e quel gruppo a grandezza naturale, posto proprio all'entrata del complesso conventuale di S. Bartolomeo, mi è apparso immerso in una calda luce giallo oro che ammorbidiva i delicatissimi lineamenti di una  fanciulla forse appena ventenne come doveva veramente essere la madre di Cristo, colta in quell'atto bello e vero, naturale e puro mentre allatta il Figlio alla presenza discreta e silenziosa di Giuseppe...

   

linea divisoria con fiocco
 


Un presepio semplice, con le figure veramente essenziali, come essenziale è la scena in cui sono collocate. Eppure l'effetto presenza che se ne ricava è veramente straordinario.

  

Un presepio semplice, con le figure veramente essenziali, come essenziale è la scena in cui sono collocate. Eppure l'effetto presenza che se ne ricava è veramente straordinario. La genialità dell'opera, realizzata, come vedremo più avanti, con tecniche tutto sommato semplici, anche se con eccellente manualità, sta nell'idea di aver colto la Madonna  proprio nell'atto di allattare, mostrando una castissima nudità del seno che suscita solo un  senso di grande tenerezza per il gesto, e per la sacralità dei personaggi rappresentati. Sapiente la scelta della collocazione spaziale dell'opera, la sua illuminazione, l'insieme compositivo. Ho voluto inserire queste poche righe e qualche immagine dell'opera, proprio per garantire a chi non lo avesse potuto fare a suo tempo, di avere almeno un'idea di questo lavoro che avrebbe senz'altro meritato una collocazione stabile presso lo stesso convento di S. Bartolomeo, o in un altro posto idoneo, per rimanere in mostra permanente. - Giordano Bompadre

In occasione del Natale 2006 Sergio Diotallevi ha nuovamente proposto il gruppo presepiale della Sacra Famiglia, ma questa volta ha lavorato sulla scenografia, creando una capanna nel rispetto dello stile dell'epoca, all'interno della quale ha collocato i personaggi. Attraverso il transito nella capanna, il visitatore poteva accedere all'interno della chiesa di S. Bartolomeo e questo suscitava nel visitatore una sensazione di partecipazione, di contemporaneità con la storia rappresentata. La scelta di collocare la Madonna sdraiata a terra, sebbene criticata da alcuni che la ritengono lasciva o addirittura volgare, è invece, a mio avviso, una scelta azzeccata perché identifica la giovanissima Madonna proprio con una giovane donna del popolo che, naturalmente stanca del lungo peregrinare alla ricerca di un riparo, e per il recente parto, allatta il proprio bambino nella più naturale posizione di riposo. Troppo spesso l'ignoranza e la falsità di una religiosità becera e bacchettona ha costretto l'arte ad essere velata per coprire "vergogne" che invece sono la natura stessa del Creato. Inoltre, Sergio ha volutamente costruito l'architrave della porta d'ingresso alla capanna più basso della media dei visitatori così che, chi voleva entrare doveva inchinare il capo in segno di rispetto verso il divino Bambino. Anche la scelta delle luci, molto tenui e ben distribuite creano un'atmosfera davvero mistica e coinvolgente. So già che anche per il Natale 2007 Sergio è già al lavoro e sono certo che anche quest'anno farà un buon lavoro che mi premurerò di riportare in queste pagine. Vi invito comunque a visitare il presepe di S. Bartolomeo durante le Feste perché credo che avrete modo di apprezzare un altro piccolo capolavoro dell'amico Sergio Diotallevi.

S. Bartolomeo Natale2007

tra concerto e crepe


Le crepe di recente affiorate nella parte destra della chiesa di San Bartolomeo sembrano essersi fermate. Ciò non ha impedito anche quest'anno, all'associazione "Tutti per San Bartolomeo" di creare un presepe originale, che ha impegnato per due mesi l'equipe coordinata da Sergio Diotallevi. L'effetto scenico e cromatico realizzato coinvolge il visitatore, che può camminare direttamente nel presepe fino a diretto contatto con la grotta della Natività. La collaborazione dei Francescani è stata preziosa. Si è svolto anche il "Concerto di Natale" con il coro dei Cantori di Assisi (fondato da P. Evangelista Nicolini, morto nel 2004), diretto da P. Maurizio Verde, organista Angelo Rosati. I canti presentati, tutti ispirati alla nascita di Gesù, hanno spaziato dal canto gregoriano alla musica moderna e al folclore napoletano.

Se vuoi visitare il presepe vai a S. Bartolomeo di Foligno (cartina)

  

Online dall'1/03/2003