Festa della Donna
   A forma di idea - Sei su Feste- 8 Marzo> HomePage  >> Mappa del Sito   
 

La Festa della donna è il giorno in cui si festeggiano le conquiste sociali, politiche ed economiche delle donne. Celebrata in diversi paesi del mondo occidentale, è una festività internazionale e si svolge l'8 marzo. L'usanza di regalare mimose in occasione della festa non è invece diffusa ovunque. L'8 marzo era originariamente una giornata di lotta, specialmente nell'ambito delle associazioni femministe: il simbolo delle vessazioni che la donna ha dovuto subire nel corso dei secoli. Tuttavia, il tempo ha un po' snaturato anche il vero significato di questa ricorrenza, lasciando il posto anche - se non soprattutto - ad una connotazione più commerciale.

L'origine della ricorrenza è piuttosto controversa. Una ipotesi vuole che la sua istituzione risalga al 1910 quando, nel corso della II Conferenza dell'Internazionale socialista di Copenaghen, Rosa Luxemburg propose di dedicare questo giorno alle donne.

In Italia è molto diffusa un'ipotesi che fa risalire l'origine della festa ad un grave fatto di cronaca avvenuto negli Stati uniti, nel 1908 a New York. Alcuni giorni prima dell'8 marzo, le operaie dell'industria tessile Cotton iniziarono a scioperare per protestare contro le condizioni in cui erano costrette a lavorare. Lo sciopero proseguì per diversi giorni finché l'8 marzo Mr. Johnson, il proprietario della fabbrica, bloccò tutte le vie di uscita. Poi allo stabilimento venne appiccato il fuoco (alcune fonti parlano di un incendio accidentale). Le 129 operaie prigioniere all'interno non ebbero scampo.

Altra ipotesi è che questa storia sia in realtà un adattamento, fatto a fini propagandistici dai movimenti di sinistra, di un fatto realmente accaduto ma con tempi e modalità leggermente diverse.


L'incendio della fabbrica Triangle

Nel 1909, le operaie tessili della fabbrica di New York “Triangle Shirtwaist Company”, che produceva le camicette alla moda di quel tempo, le “shirtwaist” appunto, cominciarono uno sciopero, pare scegliendo l’8 marzo come data di avvio della protesta.

La lotta, dopo diverse azioni brutali e repressive da parte della polizia e dopo una lunga trattativa, terminò il 24 dicembre 1910 con il “Protocollo di Pace”, nel quale venne riconosciuto il diritto a regole per l’orario ed il salario.

Pochi mesi dopo, il 25 marzo 1911, un incendio alla Shirtwaist uccise 146 donne. La maggioranza di esse erano giovani italiane o ebree dell’Europa orientale.

I proprietari della fabbrica, Max Blanck e Isaac Harris, che al momento dell’incendio si trovavano al decimo piano e che tenevano chiuse a chiave le operaie per paura che rubassero o facessero troppe pause, si misero in salvo e lasciarono morire le donne. Il processo che seguì li assolse e l’assicurazione pagò loro 445 dollari per ogni operaia morta: il risarcimento alle famiglie fu di 75 dollari.

Quell’incendio segna una data importante, anche se non è da esso, come erroneamente riportato da alcune fonti, che trae origine la Giornata della donna. Migliaia di persone presero parte ai funerali delle operaie uccise dal fuoco.

Estratto da "http://it.wikipedia.org/wiki/Incendio_della_fabbrica_Triangle"
 

  
   

Ma l'8 marzo è anche un po' di Dolcezza...

Torta Mimosa

 

Ingredienti:

Per la base:
1 Pan di Spagna da circa 600 gr
1/2 bicchiere di liquore Strega
1 bicchiere di latte

Per la crema:
4 tuorli d'uovo
120 gr di zucchero
50 gr di farina
1/2 litro di latte
la buccia grattugiata di 3 limoni
1/2 litro di panna montata, leggermente dolcificata
sale

Con un coltello seghettato togliere al pan di Spagna un disco dello spessore di 1,5 cm e tenerlo da parte. Scavare con un coltellino appuntito la forma rimanente, lasciando tutto attorno e sul fondo uno spessore di circa 2 cm; si deve ricavare una specie di scatola vuota, rotonda. Tagliare a cubetti la pasta ricavata dall'interno della torta.

Preparare la crema sbattendo insieme i tuorli, lo zucchero, la farina e un pizzico di sale. Far scaldare sin quasi a bollire il latte, versarvi la rapatura dei limoni, coprire e lasciare in infusione per 10 minuti.

Versare il latte caldo sul composto di tuorli e zucchero e far addensare al fuoco, rimestando in continuazione; quando inizia a bollire, dare qualche minuto di cottura, togliere dal fuoco e far raffreddare. Incorporarvi delicatamente la panna montata.

Unire in una ciotola il bicchiere di latte al liquore Strega e con metà dose pennellare la scatola di pan di Spagna, riempirla con la crema preparata, lasciandone qualche cucchiaio, e coprire con il coperchio, mettendolo a rovescio (la parte tagliata in alto). Pennellare anche questo con la bagna di latte e liquore.

Rivestire tutto il dolce con la crema rimasta.

Far aderire a tutta la superficie i cubetti di pan di Spagna messe da parte e tenere in frigo per 4 o 5 ore prima di servire.

...Scavare con un coltellino appuntito la forma rimanente, lasciando tutto attorno e sul fondo uno spessore di circa 2 cm...

...togliere dal fuoco e far raffreddare. Incorporarvi delicatamente la panna montata.
...e coprire con il coperchio, mettendolo a rovescio (la parte tagliata in alto).