Top

 

 

  MOSTRA IL TUO PRESEPE: Pagina dedicata a...

A forma di idea - Sei sulla pagina "Un Presepio da...>  Menù Presepi >  Natale e Presepe  > HomePage  > Mappa del Sito

 

  

Ogni tanto ricevo immagini di presepi realizzati da appassionati, provenienti da varie parti d'Italia, che pur non essendo ancora dei "professionisti" di quest'arte vogliono presentare le loro esperienze che, ci auguriamo, siano il punto di partenza per future creazioni di un certo livello. Il materiale che mi inviano, non consente la realizzazione di una pagina esaustiva sulla loro opera  pertanto dedicherò loro questo spazio comune come una sorta di piccola "palestra" di presepisti. Spero quanto prima di ricevere materiale più cospicuo sia per quanto attiene al testo che al relativo corredo fotografico, per permettermi di creare una pagina personale anche a questi meritevoli amici. Colgo l'occasione per rammentare che è importante presentare le proprie opere con fotografie che le valorizzino e ne esaltino gli aspetti migliori. A tal fine ricordo che per scattare delle buone foto ad un presepe, che sortiscano l'effetto desiderato, sarebbe meglio evitare l'illuminazione del flash, che oltre ad appiattire l'immagine, esalta troppo i contrasti accentuando i piccoli difetti e rendendo l'immagine piuttosto falsa e sgradevole. Con la fotografia digitale è abbastanza semplice, scegliendo i parametri che di solito si usano per foto notturne e disattivando, ove possibile, il flash o schermandolo anche con semplice carta per lucidi (quella dei geometri) ammorbidire i contrasti e rendere la scena più reale. Per questo tipo di foto, naturalmente, è richiesto il cavalletto o un appoggio stabile per la fotocamera, usando magari il dispositivo di autoscatto per evitare tremolii dati i lunghi tempi di esposizione in modo da ottenere anche una discreta nitidezza che permette, tra l'altro di sottolineare tutti i particolari dell'opera.

    

  Sveva ARNONE (Palermo)

  

 

    
 


Sveva Arnone mi scrive, inviandomi anche alcune foto: "ho gradito molto la tua iniziativa ed è per questo che mi fa piacere inviarti alcune foto del presepe di Natale 2007." Ed è proprio questo lo spirito giusto per il quale ho creato questa sezione. Spesso durante le Feste di Natale nelle nostre case vengono realizzati presepi grandi o piccoli che meriterebbero di essere visitati, non solo per la loro bellezza, ma a volte anche solo per premiare l'impegno dei loro autori che nell'era della tecnologia e dei computers decidono di dedicare un po' del loro tempo per tramandare una tradizione bella e antica dal sapore misto tra il religioso ed il fiabesco. Qualcosa legato alla nostra cultura, che se abbandonato, sarà senz'altro una perdita per tutti. Sveva ha strutturato questo suo presepe su diversi piani, ponendo le varie scene su livelli se vogliamo un po' improbabili, ma forse proprio per questo ottiene un effetto complessivamente particolare che porta l'occhio dell'osservatore a spaziare seguendo la moltitudine di figurine che scorrono idealmente davanti ad una sequenza di casette realizzate a mano dalla stessa Sveva usando cartoncino, polistirolo e carta, rifinite e colorate poi con tempere ed acrilici. Lo stile è molto personale e non si colloca nei classici canoni del presepio storico o popolare, seguendo una personalissima strutturazione che ricorda un po' la pittura naif che infatti compare anche nei fondali di alcune sezioni del suo presepe.

 
  

   
  Alessandro  Davide NICOLI da TRABIA (PA)
  


 

Alessandro Davide Nicoli,  appena 20 anni, come lui stesso mi dice, è da sempre appassionato di presepi.

Mi manda una foto di una sua composizione presepiale (qui sopra) creata per una mostra che si terrà a Cosenza. Il presepe è molto semplice, ma originale, creato con figurine di vetro soffiato e depositate all'interno di una cesta di vimini dove ha collocato a mo' di sfondo un'immagine della Madonna delle Grazie col Bambino, che si trova proprio nel suo paesino (Trabia  - PA). Proprio nella stessa chiesa della Madonna delle Grazie ha anche costruito un altro presepio, questa volta molto più grande (anche se la sua specialità a suo dire sono quelli più piccoli), di cui qui a destra presenta alcune immagini. Mi racconta anche di aver partecipato a diverse mostre e spero che appena possibile ci presenti qualche altra immagine dei suoi lavori. Al momento, pur non avendo che queste due opere,  lo ospitiamo volentieri, dato che è piuttosto raro trovare un ventenne che si appassioni al presepe ed alla tradizione che esso rappresenta. L'opera è senz'altro indicazione della  ancor giovane età del suo autore, ma lascia sperare, soprattutto per il fatto che Alessandro Davide non ama usare materiale precostruito, ma come si ve-



 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 
de ha realizzato da solo le casette e gli altri accessori del suo presepe ed è facile indovinare che col tempo, grazie alla ricerca e alla passione la sua esperienza diverrà tale da consentirgli lavori di sempre migliore qualità.
 

  

 

 

 
  Carlo e Giuseppe

Siamo due fratelli con l'hobby della cartapesta. Carlo 18 anni e Giuseppe di 23 anni. Con la stessa tecnica con cui si realizzano i carri allegorici abbiamo realizzato alcuni presepi. Preparazione di base: Usando del cartone di uso comune, si realizza un progettino di costruzione creando tutti i pezzi di cartone che vengono poi "incartati" con tanti pezzi di carta del tipo usato per le balle di cemento (oppure quella dei panifici) usando come colla acqua e farina. Anche se non si simulano crepe sul cartone, questo si deforma naturalmente dopo che la colla si è asciugata. Infatti non resta un punto del presepe che non si pieghi o si curvi in maniera imprevedibile, alcune volte le case si storcono o si inclinano in base a come ha tirato la colla. Per tetti usiamo dei pezzi di rametti raccolti in giardino come pure il verde. Usiamo il muschio di bosco .. Il tutto viene pitturato cercando di simulare i colori delle nostre case grotte e delle nostre gravine. La passata finale su tutta la struttura è con flatting ad acqua per preservare i colori e proteggere il lavoro dall'umidità. Per la prima volta quest'anno abbiamo partecipato ad una mostra di presepi e la curiosità dei visitatori e la loro attenzione per questa tecnica particolare sono stati davvero molto rilevanti.

  Giambattista Patruno (Bari)

  
Un presepe realizzato con vari tipi di pasta dorata un'idea originale... Tre immagini corredate da queste poche parole...
 

"Amo il presepe questa Gaudiosa rivincita del cuore
sulla specularità del pensiero...
Amo il presepe, ma lo amo sopratutto,
perché mi suggerisce che Lui il Signore
è disposto a ricollocare la sua culla anche oggi
tra le pietraie della mia Anima!! ..."   
(Don Tonino Bello)

  Vanna Rubino da Foggia


Sopra: una veduta d'insieme del presepe realizzato da Vanna.
A destra: un particolare: La capanna della Natività

Mi chiamo Vanna Rubino e sono di Foggia.

Dopo aver seguito un corso per presepisti, ho realizzato per la prima volta un piccolo presepe con le mie mani.

Si tratta di un presepe ambientato nei trulli e realizzato su una base di polistirolo, su cui sono state incollate le casine, anch'esse fatte in polistirolo, rivestite di gesso e colorate. I mattoncini che ricoprono i tetti, e le piastrelle del giardino sono stati ottenuti a mano, incidendo, con un punteruolo, il gesso colato appositamente. Infine ho realizzato, sempre a mano, un rudimentale impianto di illuminazione, costituito da mini luci, collocate all'interno delle casine e sul fronte della scena.

E' la mia prima opera per cui è molto semplice, però è stata una grande soddisfazione, nonché la realizzazione di una passione da sempre sopita e finalmente messa "all'opera".

Online dall'1/03/2003