SATIRA POLITICA

   

Ma quando?

   

Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, dopo la sonora sconfitta elettorale delle amministrative 2005, che punisce prima di tutto lui e la sua politica superficiale e dissennata (almeno quando non la fa per i propri interessi e per quelli della sua "clientela"), dovrebbe fare un umile passo indietro (facendo attenzione a non inciampare sui maestosi tacchi delle sue scarpe presidenziali). 12 regioni a 2!!! Basterebbe già questo, a sancire la fine di un ciclo. Così abbiamo assistito alla definitiva de-sacralizzazione dell'unto del Signore. Ma lui non ci sta... e aspetta ancora il giudizio degli elettori... Un chiaro caso di sordità senile!